Fresatura chimica - green etCHing

Fresatura chimica metalli

Fresatura chimica metalli per risultati all’avanguardia

Questo processo, realizzabile su alluminio, acciaio e titanio, è utile a chi deve produrre figure complesse, lamiere a spessore variabile, componenti alleggeriti. E’ applicabile in svariati settori, dall’aeronautica all’arredamento: essendo un processo all’avanguardia , è utilizzabile dove le soluzioni tecniche di normale uso non garantiscono risultati accettabili.

La fresatura chimica metalli è indispensabile quando:

  • La forma del componente è problematica a causa di profili interni ed esterni o per la presenza di fori di piccolo diametro
  • Non è accettato il trattamento termico o le lavorazioni a caldo
  • Sono richieste finiture e tolleranze migliori di quelle ottenibili mediante processi tradizionali
  • La geometria del pezzo rende difficoltoso (o impossibile) il serraggio in una attrezzatura di bloccaggio
  • Il pezzo in lavorazione è troppo flessibile o sottile per sopportare le forze di taglio applicate da un utensile tradizionale
  • La durezza e la resistenza alla lavorazione del materiale è molto elevata (tipicamente >400HB)

Aggiungi business al tuo business

Per lamiere in Alluminio Ferro Titano

  • Si può evitare il Tailor Blank in quanto la differenza di spessore non avviene mediante saldatura, ma riducendo solo la parte interessata senza variare alcuna caratteristica meccanica.
  • Non esistono problemi a raggiungere spessori  di  0,2 mm
  • Non esistono problemi a raggiungere zone difficili
  • Lavorazione eseguibile su qualsiasi tipologia di materiale metallicoIn caso di particolari assemblati, i punti di saldatura non vengono intaccati poichè protetti.
  • E’ possibile effettuare il trattamento anche su lotti esigui e trattare materiale di formato sino a mt 5 di lunghezza
  • Mantenimento estetico,  in totale assenza di modifiche geometriche: sia dell’elemento assemblato sia del singolo pezzo.

Preferibile per ferro

É consigliato , successivamente alla lavorazione, eseguire la zincatura per evitare un’eventuale ossidazione;  per acciaio, inox o titanio non è invece necessario alcun trattamento galvanico, se non espressamente richiesto.